lunedì 21 febbraio 2011

Lago Film Fest 2011. Cinema “corto” sotto le stelle



Da sette anni si svolge, in provincia di Treviso, il Lago Film Fest, un concorso indipendente per cortometraggi che, fin dalla sua nascita, nell'ormai lontano 2005, ha mantenuto intatte le sue finalità, fra le quali spicca quella di valorizzare le bellezze naturalistiche e culturali del territorio di cui fa parte Lago (Tv). Il tutto tenuto insieme dal potente legame della cinematografia.

Anche quest'anno lo staff organizzativo ha indetto un bando di concorso, in scadenza il 30 marzo 2011, che consentirà a molti nuovi talenti, nazionali e non, di iscrivere le loro opere. Il festival, che si svolgerà nei giorni dal 22 al 30 luglio 2011 a Lago, è composto di tre sezioni. Le vediamo nel dettaglio.

CONCORSO INTERNAZIONALE CORTOMETRAGGI
I corti ammessi sono quelli, di qualsiasi genere ed argomento, che abbiano durata inferiore ai 30'. Possono essere realizzati sia su pellicola che su supporto digitale e devono recare i sottotitoli in inglese oppure in italiano, a seconda della lingua di origine dell'autore o dell'autrice. Unico vincolo, ogni corto dovrà essere stato prodotto dopo il primo gennaio 2009. Ogni partecipante potrà iscrivere al concorso fino a tre opere.

CONCORSO INTERNAZIONALE DOCUMENTARI
Tutti i documentari ammessi al festival saranno quelli, di produzione nazionale ed internazionale, di durata inferiore ai 50', su pellicola oppure su supporto digitale, sempre con i sottotitoli, in inglese o in italiano. Per questi vale lo stesso vincolo della sezione precedente. Ogni persona che concorrerà, potrà presentare non più di due realizzazioni.

CONCORSO INTERNAZIONALE PREMIO RODOLFO SONEGO ALLA MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE
Si tratta della sezione per molti più interessante del Lago Film Fest, quella riservata alle sceneggiature – e ad esse soltanto – per i cortometraggi. Esse dovranno essere scritte in lingua italiana, ad una o più firme autoriali. La loro impostazione dovrà essere quella delle sceneggiature americane. Il vincolo riguarda la lunghezza, che non dovrà superare le 10 cartelle dattiloscritte. Le sceneggiature iscritte al festival dovranno inoltre essere inedite ed apparterranno in modo esclusivo a chi le ha create. Nel caso di opere che si basano su soggetti di altre persone, anche se solo ad essi ispirate, l'autore o l'autrice saranno tenuti a citarne la fonte e, mediante la presentazione di appropriata documentazione, a possederne i diritti di sfruttamento. Genere ed argomento saranno a piacere delle persone concorrenti, le quali potranno iscrivere al concorso non più di due opere.
Uno sguardo ai premi.

PREMIO ITALIA
Andrà alle opere di esclusiva produzione italiana o ad autrici ed autori italiani
PREMIO SUI GENERIS
Si tratta di quello dedicato ai corti. La giuria presterà grande attenzione, nel proclamare l'opera vincitrice, al livello di innovazione dei cortometraggi, in rapporto alla tradizione ed alla messa in pratica dei vari codici comunicativi (horror, western, science – fiction, ecc.)
PREMIO REGIONE DEL VENETO
È quello riservato alle opere prodotte nella regione Veneto oppure da autrici ed autori che ivi risiedono
PREMIO UNICEF
Raggruppa i video realizzati per l'infanzia, prodotti anche dagli istituti scolastici
PREMIO NUOVI SEGNI
Dedicato ai film sperimentali
PREMIO PER IL MIGLIOR “SOGGETTO RACCONTATO”
Si tratta del premio più curioso, riservato ai cortometraggi con cui, in soli cinque minuti, le autrici o gli autori riescano a narrare una storia che verrà riproposta, durante il festival, coinvolgendo anche il pubblico.
Questo tipo di sperimentazione aveva preso il via durante l'edizione 2010 del Lago Film Fest, dando così vita al Premio per il Miglior corto (Best Short Film Award) che, lo scorso anno, è andato a Mohanad Yaqubi, l'autore di Exit, An Underground Journey (Palestina, 2010, 10', 24''), un'opera che racchiude in sé vari generi, fra cui danza, video – arte e sculture umane, il tutto proposto nei sotterranei di una città.
L'iscrizione all'edizione 2011 del Lago Film Fest può essere fatta anche on-line sul sito http://www.lagofest.org/, mentre tutte le informazioni utili si possono ottenere scrivendo a info@lagofest.org.
Da sette anni a questa parte, sulle rive di un lago del trevigiano, si ripete la magìa della Lanterna Magica. Sotto le stelle di una notte di metà estate la suggestione è ancor più profonda. Pensate all'emozione che potreste provare nel vedere riprodotte, sullo schermo del Lago Film Fest, le immagini della vostra opera. Che cosa state aspettando? Quale migliore occasione di questa per iscrivere – proprio ora – il vostro corto?
E la suggestione continua. A presto!

Lidia Borghi

Nessun commento:

Posta un commento