martedì 19 aprile 2011

La prima edizione del Formentera Film parla italiano


Ebbene sì, i due prolifici animatori del Lago Film Fest (cui ho dedicato un intero post QUI) di Revine (Tv), Viviana Carlet e Carlo Migotto, sono sbarcati sulle coste dell'isola spagnola di Formentera per organizzare la prima edizione di un concorso internazionale dedicato a quel cinema breve che anima questo blog, quello dei cortometraggi.

Nei giorni dal sei all'otto maggio 2011, infatti, si svolgerà il Formentera Film, alla cui organizzazione hanno lavorato Monica Timperi e Silvio Bandinelli, due registi e produttori italiani da tempo attivi in Spagna.
La formula utilizzata è quella già nota alle persone che conoscono e frequentano il Lago Film Fest ovvero la proiezione – sotto le stelle – di un fiume di corti internazionali nell'arcinota Plaça de Sant Francesc, a Formentera. E non è tutto.
La tre giorni della perla delle isole Baleari ha in programma anche rappresentazioni di tante altre arti visive, fra cui quella del Live Painting (ricordate il duo Blue & Joy?) Sono previsti anche eventi legati alla gustosa gastronomia catalana e molte altre manifestazioni interessanti che sarà possibile scoprire recandosi a Formentera fra un paio di settimane.
Come tutti i festival cinematografici che si rispettino, anche il Formentera Film avrà la sua madrina, Lola Dueñas (vincitrice del premio Goya 2009 per aver interpretato il film Yo También) l'attrice spagnola che in Volver di Pedro Almodóvar impersonava la sorella di Penelope Cruz.
Insomma, al Formentera Film a farla da padrona sarà la video arte in tutte le sue forme, dai corti ai documentari provenienti da tutto il mondo, anche se l'attenzione più grande sarà riservata alle produzioni catalane di autrici ed autori, spesso emergenti, che hanno talento da vendere, oltre alla volontà di farsi conoscere a livello internazionale. Ecco perché questo concorso è stato patrocinato dal Formentera Art, l'associazione culturale che, fin dalla sua nascita, ha inteso valorizzare l'identità culturale, nonché i forti legami con il territorio, di un'isola che all'estero è nota solo per le spiagge, che attirano ogni anno migliaia di turiste e di turisti.
Per citare una parte del comunicato stampa che mi è stato fornito, in modo assai gentile, dall'addetta stampa del Lago Film Fest, Ester del Longo, il Formentera Film è «Un evento che privilegia la qualità dell'offerta cinematografica (...), nato proprio per scoprire l'arte nelle sue infinite declinazioni, dal cinema alla pittura, dalle performance sperimentali all'enogastronomia e dare forma a quel legame intangibile che unisce, come in questo caso, due territori così distanti».
Lo scopo comune al Lago Film Fest e al Formentera Film è legato alla volontà e alla comune esigenza di far parlare due territori così differenti, al fine di sollecitare il dialogo con le culture altre da noi, usando il tramite privilegiato delle arti visive che, mentre documentano le diversità, riescono ad integrarle, grazie alla forza prorompente di un mezzo espressivo come il cortometraggio, per citare solo il principale.
Per informazioni:

Lidia Borghi

Nessun commento:

Posta un commento