lunedì 25 luglio 2011

FOCUS ON Lago Film Festival 2011-1

Da oggi e per tre giorni di seguito mi occupo degli eventi più significativi del Lago Film Festival 2011 di Revine Lago (Tv), ringraziando ancora molto l'addetta stampa dell'evento, Ester Del Longo, per avermi messa a parte con puntualità delle novità del concorso trevigiano.
L'edizione corrente, che ha avuto inizio venerdì 22 luglio scorso e si concluderà sabato 30 luglio, ha visto il battesimo italiano del documentario I am Jesus (Russia, Gran Bretagna, Brasile, 2010, 75'), prodotto da Fabrica, il Centro di ricerca sulla Comunicazione del gruppo Benetton.
Prodotto da Babak Payami e montato da Pablo Pastor, con la regìa di Valerie Gudenus e Heloisa Sartorato, questo mediometraggio giunge da alcune importanti presentazioni mondiali, fra cui quelle di Vancouver (al Doxa Documentary Film Festival) e di Toronto (al Festival Internazionale del Documentario di Toronto, Hotdocs).
Questo documentario affronta con grande lucidità il controverso tema della divinità incarnata: se per milioni di persone sparse per il mondo quella del Messia è un'attesa che non verrà tradita, per gli atei il Suo ritorno è una questione assurda e non rispondente al vero.
E se Gesù vivesse già in mezzo a noi, che sembianze avrebbe? In quale luogo vivrebbe? Che mestiere farebbe?” – si sono chieste le autrici del documentario, che è stato proiettato a Riva del Lago (Tv) sabato 23 luglio scorso alle ore 21:00. Sulla falsa riga di quelle domande, le due registe hanno iniziato un lungo viaggio che le ha portate dapprima in Brasile, poi in Inghilterra e, infine, in Siberia, per analizzare tre realtà locali nelle quali vivono altrettante persone che hanno rivendicato di essere Gesù, ritornato sulla Terra per salvare l'Umanità.
La domanda che ha animato il viaggio culturale di Valerie e Heloisa ha a che fare con uno fra gli interrogativi più antichi, finora senza una risposta certa, che l'essere umano si sia mai posto: “Perché il 95% delle persone, nel mondo, crede in Dio ed ha bisogno di una figura incarnata da seguire?” E – aggiungo io – davvero il Messia è tornato fra noi?
Le due autrici del documentario sono riuscite a dar vita ad un'indagine visiva assai approfondita, in modo imparziale, limitandosi ad analizzare le tre differenti comunità umane scelte per la loro inchiesta. Il risultato è un reportage che, ne sono sicura, susciterà lo stupore di molte persone, credenti e non, cristiane o meno, grazie al rigore con il quale è stato prodotto e diretto.
A presto per un altro FOCUS ON Lago Film Festival 2011.


Lidia Borghi

Nessun commento:

Posta un commento