lunedì 16 gennaio 2012

Tremate, tremate! Le rane son tornate!!!


Ebbene sì, il 2012 è iniziato da poche settimane e già la redazione del Lago Film Festival di Revine (Tv) – gestita dalla valente addetta stampa Ester Del Longo – ha divulgato il bando per l'ottava edizione, che si svolgerà dal 20 al 28 luglio 2012.

Chi segue questo blog dedicato al cinema breve saprà che l'LFF è una rassegna internazionale di cortometraggi, documentari e sceneggiature di cui mi sono spesso occupata da queste pagine elettroniche e non è un caso: grazie alla grande preparazione delle persone che compongono il comitato organizzatore, prima fra tutti Viviana Carlet (colei che ha dato vita alla prima edizione della costola spagnola del festival trevigiano ovvero il Formentera Film), il festival di Revine Lago è riuscito a ritagliarsi un posto di tutto rispetto tra i concorsi a tema, sia nel nostro Paese che all'estero, come testimoniano le autrici e gli autori di altre nazioni che ogni anno iscrivono le loro opere a questa rassegna.
La novità più significativa dell'edizione 2012 dell'LFF è rappresentata dal premio che andrà alla migliore sceneggiatura originale, che si aggiudicherà i mille euro previsti dal cosiddetto Premio Rodolfo Sonego: grazie a questo budget di base, che rappresenta un sicuro investimento, chi vincerà avrà la possibilità di scrivere una nuova sceneggiatura e dar vita ad un cortometraggio originale.
Nel ricordare che la scadenza per l'iscrizione delle opere al concorso è fissata per il primo marzo 2012, ma solo per i corti ed i documentari (le sceneggiature potranno essere depositate fino al trenta dello stesso mese) mi preme sottolineare, come sempre, che l'iscrizione è gratuita. Di seguito ricordo le regole di base, invitando le persone interessate a scaricare il bando completo alla consultazione del sito ufficiale del Lago Film Festival.
CORTOMETRAGGI – Di qualsiasi genere e tema siano, non devono superare i 30', titoli compresi. Tre i corti iscrivibili, non più vecchi del primo gennaio 2010
DOCUMENTARI – La durata dovrà essere di non più di 50'. Due e non più i doc iscrivibili
SEZIONI SPECIALI – Per i corti durata inferiore ai 30' e per i doc inferiore ai 50'

SCENEGGIATURE ORIGINALI IN CORTO – L'ambìto premio intitolato allo sceneggiatore Rodolfo Sonego – di € 1.000 – darà la possibilità, come ho già spiegato, di realizzare per intero un corto sceneggiato. Come è possibile leggere all'interno del comunicato stampa diffuso di recente: «Il progetto è ambizioso e spinge i giovani scrittori ad una grande prova mettendo in gioco molteplici capacità creative come quella di essere produttore o regista di un film e quella di sceneggiare ad hoc.» Particolare di grande importanza, il soggetto originale dal quale trarre la sceneggiatura dovrà basarsi su un tema scelto dal comitato organizzatore del festival (per conoscerlo consulta il sito) e, cosa ancor più rilevante, l'autrice o l'autore dovranno lasciarsi ispirare dal modo originalissimo di scrivere del grande Sonego.
Ricordo infine le sezioni speciali, tutte a premi:
MENZIONE SPECIALE ITALIA – Riservata ad autrici ed autori italiani
MENZIONE SPECIALE SUI GENERIS – Quest'anno volto a rinvenire, all'interno delle opere corte a concorso, il rapporto fra convenzione ed innovazione e tra aderenza ad un genere e libertà d'azione, a seconda del tema scelto
MENZIONE SPECIALE NUOVI SEGNI – Riservata ai video sperimentali
PREMIO REGIONE DEL VENETO – Conferito ai film originali prodotti in Veneto oppure da parte di autrici ed autori ivi residenti
PREMIO UNICEF – Come lo scorso anno viene assegnato ad un'opera, breve o lunga che sia, dedicata al mondo dell'infanzia
SOGGETTO RACCONTATO – In soli cinque minuti la/il filmaker dovrà dimostrare tutta la sua capacità di descrivere un racconto al pubblico presente
Insomma, ce n'è per tutti i gusti, al Lago Film Fest 2012 e le persone interessate potranno sbizzarrirsi, nel produrre le loro opere, il che permetterà al concorso delle rane di diventare ancor più bello ed importante per le edizioni a venire.


Lidia Borghi

Nessun commento:

Posta un commento